Mappa dei riti della Settimana Santa nel Vulture Melfese

Barile-via-crucis-2013-9

Mappa dei riti della Settimana Santa nel Vulture Melfese

In molti paesi del Vulture-Melfese, nel nord della Basilicata, ogni anno la Settimana Santa è scandita da Sacre Rappresentazioni ispirate dai testi evangelici, in particolare quello relativo alla Passione di Cristo.

Ripacandida

La prima cittadina ad aprire i Riti della Settimana Santa è Ripacandida, dove è possibile assistere alle celebrazioni e ai diversi riti di rappresentazione durante la Domenica delle Palme.

Rapolla

Il Martedì Santo è invece il turno di Rapolla: il corteo parte dall’ex sede municipale e prosegue toccando diversi punti del centro storico. Vengono allestiti palchi dove vengono rappresentati tutti i momenti che caratterizzano la Passione di Gesù, dalla condanna fino alla  Crocifissione, rappresentata all’interno del Parco Urbano delle Cantine-Grotte. Un altro evento, molto suggestivo è la fiaccolata del Venerdì Santo, che raccoglie tutti i fedeli in processione. Tra le stradine del centro storico, illuminate dai bagliori delle candele,  sfilano le statue della Madonna e di Gesù, portate in spalla da giovani e anziani del posto.

processione Barile settimana santa

Atella

Il Giovedì Santo è  Atella ad accogliere i visitatori con le fasi della Passione di Gesù, dall’incontro con la Madonna, a quello con la Samaritana che gli offre da bere, fino al martirio di Cristo sulla croce. Tutto secondo una serie di rituali e passaggi che non si sono affievoliti nel corso del tempo e che contribuiscono a regalare, a chiunque vi partecipi, la sensazione di assistere davvero a quello che è successo più di 2000 anni fa. Sul piazzale della Chiesa viene allestito il Sinedrio cui segue il processo a Gesù, il giudizio di Pilato e la successiva condanna a morte. Segue un percorso nelle vie del Paese fino al Golgota, un punto poco lontano dal centro della cittadina, dove Gesù e i ladroni vengono messi sulla Croce. La particolarità di questa rappresentazione è data anche dal fatto che i protagonisti della processione, Gesù e Maria, sono promessi sposi che digiunano per tre giorni prima della rappresentazione, come atto di devozione. Un altra figura, quella del Cireneo, è degna di essere menzionata: si tratta dell’unico personaggio che è vestito con abiti moderni, a voler ricordare come la Croce è una condizione che riguarda l’esistenza di tutti.

Barile

Alle 15.00 del Venerdì Santo a Barile ha inizio la processione che si snoderà lungo i principali punti del paese per 5 km, in uno scenario ad alta drammaticità data dall’assoluto silenzio. Ben 117 figuranti, tutti rigorosamente del posto, suddivisi in 25 gruppi, tra cui i farisei, le donne, gli apostoli, i centurioni a cavallo, tre bambine vestite di bianco e  33 ragazze vestite di viola, a rappresentare gli anni della vita di Cristo, la Zingara e il Moro, a rappresentare l’ignoto. Entrambi hanno una funzione simbolica e hanno origini pagane: la Zingara rappresenta la ricchezza e allo stesso tempo la negatività, perché con i suoi metalli vengono realizzati i chiodi della Croce; il Moro invece rimanda alle origini albanesi della cittadina, quando una colonia di albanesi, per sfuggire all’invasione dei Turchi, giunse in Basilicata.  Tutti i personaggi vengono scelti in base alle caratteristiche del volto, al fine di rendere il più verosimile la rappresentazione. E’ impossibile non commuoversi davanti alla processione di Maria, con il suo passo lento e il suo volto piegato dal dolore. Anche Gesù viene rappresentato da un ragazzo, spoglio e con una catena al piede, che ha digiunato giorni prima per raggiungere lo stato di Grazia e impersonificarsi meglio con il dolore e la sofferenza di Cristo.

Maschito

A Maschito Venerdì alle ore 15.30 ha luogo la Via Crucis lungo le strade della città. La villa comunale diventa l’ambientazione dell’orto degli ulivi, rendendo realistico l’evento. Tre sono le donne, oltre ovviamente alla figura della Madonna, che partecipano in modo attivo alla processione e che hanno un ruolo singolare: la donna con il gallo che sfila lungo le strade e che simboleggia il tradimento di Pietro, e le due zingare, una rappresentante la ricchezza e la cattiveria e una la povertà. La zingara ricca, infatti, nel momento in cui Gesù cade con la croce, gli butta i ceci, in segno di scherno.
I-riti-della-Passione4

Venosa

Sempre il Venerdì Santo, alle ore 17.30, a Venosa, uno dei cinque borghi lucani più belli d’Italia e paese che ha dato i natali al poeta latino Orazio, non vi è invece traccia di elementi pagani ma si assiste ad una perfetta riproduzione delle scenografie del tempo: Piazza San Giovanni de Mata, la villa comunale, Piazza Castello diventano teatro del processo, della fustigazione e della condanna. Segue poi la processione, con Gesù che con la Croce sulle spalle, incontra la Madonna, e, dopo la crocifissione, tramite effetti spettacolari, risorge. Tutti i protagonisti della vicenda, prima di partecipare all’evento sacro, fanno un ritiro spirituale, al fine di approfondire il loro personaggio e immedesimarsi più facilmente nella vicenda.

Rionero in Vulture

Chiude la Settimana delle Rappresentazioni Sacre Rionero in Vulture, il paese che ospita il Sabato Santo alle ore 10.00 l’evento dedicato alle ultime ore di Gesù: dalla cerimonia delle Palme fino alla Resurrezione. Tra gli elementi che compongono il corteo ricordiamo un gruppo numeroso di fanciulle che rappresenta gli Angeli della Resurrezione, il Moro e la Zingara, due personaggi ricorrenti in queste manifestazioni che rappresentano rispettivamente l’ignoto e il male, inteso come ricchezza e potenza economica che corrompe. Altri due personaggi sono degni di nota: Malco, che “fustiga” le persone, rimproverandole della loro cecità e della grave colpa che hanno commesso nel condannare Gesù e Giuda, che vaga irrequieto nella processione, seguito dalla bella figura della Tentazione, che rappresenta il Demonio (tel. 338/4258602).


cropped-logo-museo-maschere-nuovo.jpg

MUSEO VIRTUALE DELLE MASCHERE E DEL TEATRO POPOLARE

MASK VIRTUAL MUSEUM

https://museodellemaschere.org/

Testi pubblicati per studio e ricerca – Uso non commerciale
Texts published for study and research – Non-commercial use

© Copyright 2017 – Rights Reserved

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.



Categorie:I00- [ANTROPOLOGIA DELLA FESTA], J01- Basilicata- Feste calendariali e religiose, Uncategorized

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

NUOVA STORIA CULTURALE / NETWORK PHILOSOPHY

NUOVA STORIA CULTURALE / NEW CULTURAL HISTORY

NEODRAMMATURGIA

TEATRO E RICERCA - THEATRE AND RESEARCH

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SCRITTURE / WRITINGS

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: